Tu sei qui:HomeCollaneBiblioteca di Studi SlavisticiCensura, istituzioni e politica letteraria in URSS (1964-1985)

Censura, istituzioni e politica letteraria in URSS (1964-1985)

La società sovietica è sempre stata caratterizzata da un forte istituto censorio che di fronte al potere della parola scritta ha messo in opera una serie di istituzioni altamente repressive. Ma la censura non necessariamente esercita il suo potere attraverso forme coercitive; ci sono modalità di intervento che si espletano attraverso una complessa rete di istituzioni culturali, in grado di "produrre" la società, espungendo pensieri ed atteggiamenti pericolosi per il sistema ed organizzando al contempo una serie di organismi destinati a forgiare comportamenti e mentalità ortodossi, tanto da rendere spesso quasi inutile la funzione del censore esterno, sostituito dal "censore dell'anima". Il libro qui presentato cerca di evidenziare questo secondo aspetto della censura, senza tuttavia trascurare la grande macchina repressiva messa in atto dal potere sovietico. Rassegna stampa: Il Giornale, L'INTERVISTA - MARIA ZALAMBANI: «Così Breznev censurò persino Sartre» a cura di Giuseppe Ghini, 19/04/2010
Slavic Review, vol. 70, no. 1 (Spring 2011)
Sfogliando la Russia, n. 8
Il Mestiere di Storico II, 2/2010 Slavonic and East European Review, vol. 89, n. 3

Leggi tutto

Supporti disponibili

Anno di edizione: 2009

Prezzo: 29,90 €

Pagine: 284

ISBN: 978-88-6453-075-8

aggiungi al carrello

Sconto del 10% (o superiori con un codice promozionale) per acquisti dal sito

Anno di edizione: 2009

Prezzo: 20,93 €

Pagine: 284

e-ISBN: 978-88-6453-080-2

aggiungi al carrello

Acquista il pdf completo o il singolo capitolo su Torrossa - Casalini digital division

Titoli consigliati

Mosty mostite

Alberti, Alberto; Ferro, Maria Chiara; Romoli, Francesca