Tu sei qui:HomeCollaneBiblioteca di Studi di Filologia ModernaGo Southwest, Old Man

Go Southwest, Old Man

Note di un viaggio letterario, e non

Go Southwest, Old Man, sorta di remake personale di 'Go West, Young Man', l'episteme fondante dell'Ottocento americano, concilia queste due anime (parola grossa: diciamo, queste due facce) che poi hanno sempre vissuto bene insieme. È un libro che nasce da un quarto di secolo passato a girare per i canyon e i deserti di Arizona, Colorado, Utah, e soprattutto New Mexico: per entrare nella mitologia ormai universale del West, avvicinarmi a quelle culture (la anglo, l'ispanica, quelle nativo americane), e far propria quella letteratura. Il taglio è composito: accademico, divulgativo, da libro di viaggio; e composita la scrittura, perché il libro parla in inglese e in italiano. Parla di cinema (molto John Ford) e di giallistica, il genere qui più frequentato; di arti visive, di folklore latino, del mito del West, della cosiddetta 'Soul of the Southwest', del kitsch stile Santa Fe. E parla di (e con) alcuni dei maggiori scrittori del Southwest: Rudolfo Anaya, Stanley Crawford, John Nichols, Hillerman. Dunque un Southwest vissuto in prima persona: dove l'io non si trincera in un preciso ruolo disciplinare ma si apre – si espone – al rischio inebriante della scoperta che lo rinnova. Il volume è in lingua inglese e italiana. Creative Commons License
Go Southwest, Old Man. Note di un viaggio letterario, e non by Mario Materassi is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.fupress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.fupress.com.

Leggi tutto

Supporti disponibili

Anno di edizione: 2009

Pagine: 356

e-ISBN: 978-88-6453-008-6