Tu sei qui:HomeCollaneBiblioteca di Studi di Filologia ModernaUngheria 1945-2002. La dimensione letteraria

Ungheria 1945-2002. La dimensione letteraria

Nel 2002 il Premio Nobel a Imre Kertész è un sintomo: l'Ungheria è ormai weltliterarisch. Il processo storico – che ha visto gli scrittori ungheresi lavorare fin dagli anni '70 per l'autonomia ontologica del proprio campo, per una scrittura dalla lingua non mendace, per il superamento del 'moderno' del socialismo reale in un 'postmoderno' dove la realtà venga, non "descritta", ma "impiegata" e ciò a fini antropici – è a un punto fermo, viene accolto all'estero come patrimonio comune. Secondo Ungheria 1945-2002. La dimensione letteraria – che fissa un lungo lavoro di analisi (vedi tra gli altri Scrivere postmoderno in Ungheria, 1995, Scrittori ungheresi allo specchio, 2003, e Fonti di Weltliteratur. Ungheria, 2012) – il contributo ungherese all'epoca contemporanea è il senso per tale funzione antropica della letteratura (anche se il contesto pare ora voler ostacolare l'impresa).

Creative Commons License
Ungheria 1945-2002. La dimensione letteraria by Beatrice Töttössy is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.fupress.com.

Leggi tutto

Supporti disponibili

Anno di edizione: 2012

Pagine: 221

e-ISBN: 978-88-6655-311-3

Titoli consigliati

Mosty mostite

Alberti, Alberto; Ferro, Maria Chiara; Romoli, Francesca