Tu sei qui: Home Progetti e innovazioneLa Sperimentazione del modello ad Accesso Aperto (OA Open Access)

La Sperimentazione del modello ad Accesso Aperto (OA Open Access)

Le pubblicazioni scientifiche hanno conosciuto negli ultimi anni una profonda crisi: l'aumento dei prezzi e anche la difficoltà di reperibilità di fondi hanno provocato la necessità da parte di istituti e biblioteche di diminuire la quantità di volumi acquistati, o di disdire abbonamenti a periodici e collane.
Tale fenomeno è ancora più preoccupante in Italia dato che la maggior parte dei fondi vengono destinati ai grossi pacchetti in lingua inglese nei settori Scienze, Tecnologie e Medicina lasciando poca disponibilità per i settori delle scienze umane e sociali in lingua Italiana.
Il movimento dell'Accesso Aperto (Open Access), nato dalla comunità scientifica internazionale, cerca di porre un freno a questo circolo vizioso proponendo un modello alternativo di circolazione dei contenuti scientifici con la messa in rete di pubblicazioni integrali e gratuite.
Il movimento dell'Accesso Aperto si basa sul principio che il sapere non deve esser vincolato da barriere commerciali ma essere messo a disposizione del più ampio numero possibile di fruitori, senza per questo violare i principi della proprietà intellettuale di un'opera o minare così la garanzia di qualità della stessa.

Per comprendere meglio la natura del movimento che si va formando attorno a queste problematiche suggeriamo la definizione di Accesso Aperto (OA Open Access) fornita dalla scheda inglese di Wikipedia:
« Open access publishing' is the publication of material in such a way that it is available to all potential users without financial or other barriers. An open access publisher is a publisher producing such material. Many types of material can be published in this manner: scholarly journals, known specifically as open access journals, magazines and newsletters, e-text or other e-books (whether scholarly, literary, or recreational), music, fine arts, or any product of intellectual activity »

In seguito all'adesione dell'Università di Firenze al Movimento per l'Accesso Aperto con la firma della Dichiarazione di Messina a sua volta basata sulla Dichiarazione di Berlino, FUP partecipa per molti aspetti alla filosofia dell'accesso aperto, attraverso la sperimentazione attiva nel campo dell'editoria digitale permettendo il download gratuito della versione elettronica di circa 12 periodici, l’anteprima gratuita a tutte le sue pubblicazioni monografiche, il download di sezioni, se non interi volumi.

FUP inoltre sta lavorando alla creazione di un contenitore unico, una Libreria ad Accesso Aperto, che fornisca ai suoi lettori l'elenco di oltre 100 volumi scaricabili gratuitamente dal sito fupress.com.

Inoltre l'impegno FUP si sta volgendo anche sul panorama internazionale con la partecipazione attiva al progetto europeo OAPEN (Open Access Publishing in European Networks), il cui obiettivo è la creazione di un network europeo di editori accademici favorevoli all'Accesso Aperto e di una grande Biblioteca Internazionale ad Accesso Aperto specializzata nelle Scienze Umanistiche e Sociali.

Firenze University Press accoglie proposte di collaborazione alla creazione della realtà dell'editoria ad Accesso Aperto di Ateneo da parte dei gruppi disciplinari e interdisciplinari di ricercatori dell'Università di Firenze, interessati a tale ambito di ricerche applicate.

Attualmente sono suoi partners in questo settore il Dipartimento di Filologia Moderna con la collana Biblioteca di Studi di Filologia Moderna e il Dipartimento di Studi Storici e Geografici, con Reti Medievali. Iniziative on line per gli studi medievistici.
In parallelo alle iniziative sull'Accesso Aperto FUP sta iniziando a lavorare sull'applicazione a questi prodotti di licenze Creative Commons, strumento ormai essenziale alla diffusione e protezione dei contenuti on line.
Grazie ad un accordo con la il Dipartimento di Filologia Moderna e con il Laboratorio IUS i libri della collana prima citata, Biblioteca di Studi di Filologia Moderna, vengono pubblicati con la licenza Creative Commons (nonché Copyleft), "Attribuzione-Non Commerciale-Non opere derivate 3.0".

Il logo del movimento Open Access è stato disegnato dalla Public Library of Science (PLoS http://www.plos.org/) ed è rilasciato con licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 2.5

RISORSE ON LINE sull'Accesso Aperto

Open Archives

Il Wiki di Open Archives sull'Open Access

Progetto PLEIADI

OAPEN - Open Access Publishing in European Networks

Scheda wikipedia sull'Accesso Aperto

Scheda wikipedia in inglese sull'Accesso Aperto

Creative Commons: cosa sono, a cosa servono, come si usano (a cura di Elisa Brilli, Firenze University Press

Titoli consigliati