Tu sei qui:HomeCollaneStudi e saggiLa malinconia dell'immagine

La malinconia dell'immagine

Rappresentazione e significato in Walter Benjamin e Aby Warburg

Alice Barale
Seminario Permanente di Estetica - ORCID: 0000-0001-6888-527X

Informazioni su Autori e Curatori


Licenza d'uso
CC BY NC ND 4.0

Per rappresentare la malinconia, Albrecht Dürer incide una figura china, la cui concentrazione assorta contrasta con il proliferare di oggetti che la attorniano. Sembra, a questo proposito, che il mistero che contempli sia proprio quello del suo legame con le cose, che resistono, estranee, al suo volgere lo sguardo altrove. Ed è infatti al problema dell'immagine, intesa non come forma specifica, opera d'arte o rappresentazione filosofica, ma come luogo di un senso che non si dà che nel suo concreto configurarsi che, per Aby Warburg come per Walter Benjamin, la Melencolia I di Dürer rimanda. Lo spazio della malinconia si sposta così dal soggetto a quel territorio di confine, di continua intersezione tra il sé e la realtà esterna, tra l'interiorità e il mondo, che è l'immagine, intesa come concreto e reciproco configurarsi di entrambi. La riflessione su di essa permette di rendere alla malinconia il suo carattere contraddittorio, quell'unità di distruzione e costruzione che la tradizione aristotelica le attribuisce e che la modernità, identificandola con un Io depressivamente senza mondo, o contro il mondo, per lo più le sottrae.

Leggi tutto

Supporti disponibili

Anno di edizione: 2009

Prezzo: 18,00 €

Pagine: 168

ISBN: 978-88-8453-888-8

Aggiungi al carrello

Sconto del 10% (o superiori con un codice promozionale) per acquisti dal sito

Anno di edizione: 2009

Prezzo: 12,60 €

Pagine: 168

ISSN online: 2704-5919

e-ISBN: 978-88-8453-889-5

Aggiungi al carrello

Acquista il pdf completo o il singolo capitolo su Torrossa - Casalini digital division