Le lingue della Chiesa

Latino e volgare nella normativa ecclesiastica in Italia tra Cinque e Seicento

Silvia Manzi
ORCID: 0000-0002-1197-4981

Informazioni su Autori e Curatori


Questa opera è in Open Access

Quest’opera è disponibile in
Open Access

vai alla “Open Access Policy”

Licenza d'uso
CC BY 4.0

Nei secoli centrali dell’Età Moderna il latino fu la lingua ufficiale della Chiesa di Roma, ma dall’analisi di bolle, editti e decreti emerge come il volgare fosse preferito quale lingua veicolare. Pur osteggiando la dottrina luterana, favorevole all’uso del volgare sia nelle Scritture sia nella liturgia, e riservando la conoscenza dei misteri della fede ai soli in grado di comprendere il latino, vescovi e inquisitori della Penisola utilizzarono proprio la lingua volgare per trasmettere bolle pontificie e decreti conciliari. Su quali temi era necessario farsi comprendere? Vi era fedeltà agli originali o si sfruttavano i margini di interpetazione per arginare la stretta repressiva imposta dal papato post-tridentino?

Leggi tutto

Supporti disponibili

Anno di edizione: 2018

Prezzo: 15,00 €

Pagine: 158

ISSN print: 2704-5749

ISBN: 978-88-6453-885-3

Aggiungi al carrello

Sconto del 10% (o superiori con un codice promozionale) per acquisti dal sito

Anno di edizione: 2018

Pagine: 158

ISSN online: 2612-8071

e-ISBN: 978-88-6453-886-0

Accedi all'opera

Accesso Aperto all'opera direttamente dalla piattaforma FUP
Licenza d'uso: CC BY 4.0