Tu sei qui: Home Eventi"Molecole d'autore in cerca di memoria".
Il dramma scientifico-civile di Luigi Dei in scena al XXV Salone Internazionale del Libro di Torino

"Molecole d'autore in cerca di memoria".
Il dramma scientifico-civile di Luigi Dei in scena al XXV Salone Internazionale del Libro di Torino

Sabato 12 maggio 2012, alle ore 16.00, Sala Book, Bookstock Village, Lingotto Fiere, Torino.

Dopo il fortunato debutto all’Aula Magna dell’Università di Firenze del 25 gennaio scorso , il dramma scientifico-civile di Luigi Dei sarà rappresentato al XXV Salone Internazionale del Libro. Cinque attori della Compagna Teatrale Venti Lucenti, sotto la regia di Manu Lalli, porteranno in scena a Torino la commovente pièce teatrale pubblicata dalla Firenze University Press. L’evento, promosso dalla Firenze University Press e da OpenLab, si realizza anche grazie al contributo di Novamont SpA Novara, Endura SpA Bologna e dell’Ordine dei Chimici di Piemonte, Valle d’Aosta e Toscana. Si ringrazia altresì per la preziosa collaborazione l’Università degli Studi di Torino, presso la quale fu tenuta la Lectio Magistralis che ha originato il dramma in occasione della solenne cerimonia per il ventennale della morte di Primo Levi.

Liberamente tratto da "Il Sistema Periodico di Primo Levi", il dramma si ambienta in uno scenario da Fahrenheit 451. In tale mondo senza libri né memoria si affaccia un uomo della strada con dei foglietti non ben decifrabili: con l’aiuto della voce narrante, di suoi amici – Scienza, Tecnologia e Natura – e di due attori a lungo fuori campo, Primo e l’amico Alberto, l’uomo riesce a ricostruire l’episodio del racconto Cerio. Grazie al ricordo si ricrea così l’identità perduta, ossia la nostra storia. Scienza, Tecnologia e Natura consentono all’uomo senza memoria di appropriarsi di sapere scientifi co ed emanciparsi dal suo stato. Il dramma trova la sua catarsi con un passo commovente, ispirato al racconto Carbonio, che liricamente crea un nesso atemporale fra un atomo di carbonio del fumo di un forno crematorio e il medesimo dimorante nel corpo di qualcuno di noi, parabola poetica di una scienza immersa nella vita e nella storia dell’uomo.


Luigi Dei, studioso di fama internazionale della chimica dei materiali al Dipartimento di Chimica “Ugo Schiff”. Autore di numerose pubblicazioni scientifi che su riviste internazionali, si dedica anche alla divulgazione scientifica e ai temi del rapporto fra scienza, arte e letteratura. Brillantissima, in questo contesto, la sua recente conferenza-spettacolo “La scienza racconta il Bolero di Ravel”.


Il dramma è stato messo in scena per la prima volta dalla compagnia teatrale Venti Lucenti all'Aula Magna dell'Università degli Studi di Firenze il 25 gennaio 2012.

Titoli consigliati